Causa di servizio · Equo indennizzo · Pensione di inabilità · Pensione privilegiata · Dovere e Terrorismo · Studio Legale Associato Guerra

Cos’è?
Con decorrenza dal 1.1.1996 è stata istituita la “pensione di inabilità” a favore del dipendente pubblico in ipotesi di sopravvenuta “inabilità assoluta e permanente a svolgere qualsiasi attività lavorativa” per infermità non dipendente da causa di servizio (art. 2, comma 12, L. 335/95 e relativo regolamento di attuazione, emanato con decreto del Ministro del Tesoro n. 187 dell’8.5.1997).

Gli attuali trattamenti economici previdenziali sono pertanto i seguenti:
  • pensione di anzianità: anticipato collocamento a riposo per dimissioni;
  • pensione di vecchiaia: collocamento a riposo per raggiungimento dell’età pensionabile o del massimo degli anni di servizio previsti dalla categoria di appartenenza;
  • pensione di inabilità per inidoneità al servizio o alle mansioni svolte: anticipato collocamento a riposo per infermità non dipendente da causa di servizio, e dalla quale sia derivata la permanente e assoluta inidoneità al servizio d’istituto o alle mansioni svolte;
  • pensione di inabilità per assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa: è il trattamento speciale istituito dall’art. 2, comma 12, L. 335/95;
  • pensione privilegiata: collocamento a riposo per infermità dipendente da “causa di servizio”.
Pensione per totale inabilità
a qualsiasi attività lavorativa

Ha diritto alla pensione di inabilità istituita dall’art. 2, comma 12, L. 335/95 il dipendente pubblico che:
  • abbia maturato un minimo di cinque anni di anzianità contributiva, di cui almeno tre nell’ultimo quinquennio;
  • sia divenuto e riconosciuto totalmente inabile a svolgere qualsiasi attività lavorativa per infermità non dipendente da causa di servizio.
Tale pensione di inabilità può essere chiesta solo dal dipendente e non dai suoi familiari superstiti.
La pensione di inabilità è reversibile ai superstiti
in presenza dei requisiti oggettivi e soggettivi previsti dalla legge.

Il nostro studio
Da oltre 60 anni siamo al servizio dei servitori dello Stato: come avvocati, questo è il nostro impegno professionale e morale. Da tre generazioni, ci occupiamo di diritto pensionistico pubblico in ambito civile, militare e di guerra. Visita il nostro sito www.avvocatoguerra.it e scopri come il nostro studio può aiutarti a far valere i tuoi diritti.
Avv. Paolo Guerra
Avv. Maurizio Maria Guerra
Domande e termini
La domanda può essere presentata dal dipendente durante il servizio o dopo la risoluzione del rapporto.

Provvedimento
Se la Commissione Medica incaricata della verifica non accerta il requisito della totale inabilità a qualsiasi attività lavorativa, la domanda di pensione di inabilità viene rigettata.

Pensione di inabilità per inidoneità al servizio o alle mansioni
Sono richiesti requisiti contributivi minimi per il trattamento pensionistico di inabilità al servizio e alle mansioni, diversi da quelli richiesti per la pensione di inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa istituita dall’art. 2, comma 12, della L. 335/95.

I dipendenti statali, non totalmente inabili a qualsiasi attività lavorativa ma cessati dal lavoro per inabilità al servizio non dipendente da causa di servizio, hanno diritto al trattamento di pensione se hanno compiuto almeno 14 anni, 11 mesi e 16 giorni di servizio, salve le speciali disposizioni vigenti per il personale appartenente alle Forze Armate e per il personale appartenente a Corpi di Polizia, anche ad ordinamento civile.

I dipendenti iscritti all’INPDAP - ex C.P.D.E.L., C.P.S., C.P.I., C.P.U.G. – non totalmente inabili a qualsiasi attività lavorativa ma cessati dal lavoro per inabilità non dipendente da causa di servizio, hanno diritto al trattamento di pensione se hanno maturato:
  • 19 anni, 11 mesi e 16 giorni di servizio utile, in caso di inabilità assoluta e permanente alle mansioni svolte (inabilità alle mansioni);
  • 14 anni, 11 mesi e 16 giorni di servizio utile, in caso di inabilità assoluta e permanente al servizio d’istituto.
Accertamento della inabilità e relativi provvedimenti consequenziali
Può verificarsi che la Commissione Medica, non riconoscendo la totale inabilità a qualsiasi attività lavorativa, ritenga comunque il soggetto non più idoneo a svolgere le proprie mansioni lavorative ovvero non più idoneo al servizio d’istituto. Nel primo caso, mantenendo l’inquadramento professionale dell’interessato e previa accettazione di questi, può disporre il cambio delle mansioni, anche per periodi rinnovabili. Nel secondo caso, invece, dovrebbe dispensare il dipendente anche senza diritto a pensione se non ha raggiunto i requisiti minimi contributivi per la prestazione previdenziale.

Assistenza tecnica
Il nostro studio può assisterti nella valutazione strategica della o delle azioni da promuovere in ogni sede competente, secondo gli obiettivi che intendi raggiungere. In particolare, in merito alla domanda di inabilità e al relativo procedimento, possiamo condurre insieme le seguenti attività preliminari:
  • valutazione della percentuale invalidante dell’infermità e della sua ascrizione tabellare;
  • esame della natura etiologica della menomazione e dei fatti di servizio ai quali eventualmente addebitare la dipendenza;
  • esame della posizione lavorativa e degli anni di servizio prestati;
  • valutazione delle conseguenze di una dispensa per inidoneità a proficuo lavoro e non per totale inabilità a qualsiasi attività lavorativa.
La fase preliminare d’approccio è pertanto quella più importante: essa infatti ci consente di esaminare la tua posizione e di pilotare una domanda mirata in sede amministrativa – e all’occorrenza giurisdizionale – così da ottenere il riconoscimento della pensione che ti compete.
Insieme valutiamo la convenienza economica di ogni azione, mettendoti al riparo da iniziative avventate o, peggio, controproducenti.

Convegno di Roma

Note Legali · News · La tua Storia  | Privacy policy  | Copyright © 2008 Studio Legale Associato Guerra
P. Iva: 01255900431